Le migliori auto per le donne

Le donne spesso preferiscono guidare una macchina che sia agile e che abbia una buona visibilità. Avere una vettura che possa avere il giusto spazio per far fronte alla crescita della famiglia e la sicurezza sono due fattori importanti. Ecco quali sono le migliori auto che le donne desiderano.

Ford Focus. L’altezza del sedile, la posizione di guida e gli interni spaziosi sono alcune delle caratteristiche che le donne preferiscono di questa vettura.

Ford Fiesta. Come la sua “sorella più grande”, la Fiesta è un’altra vettura che le donne amano molto, grazie alla praticità di guida e ai bassi consumi, soprattutto nella sua versione gasolio. Inoltre, per le donne che abitano in centro città, è ottima anche per gli spostamenti e per i parcheggi.

Honda Civic. Questa vettura è economica e molto facile da guidare. Le versioni ibrida e a GPL sono perfette anche per chi ha un pensiero sempre rivolto all’ambiente. Senza dubbio, una delle vetture leader tra le compatte.

Mazda 3. Una delle auto compatte di questa marca che ha con sé una certa combinazione di stile, il giusto spazio e che permette di avere un grande piacere di guida, che non si trova spesso in questa classe.

Volkswagen Golf. Probabilmente una delle preferite tra le guidatrici. Perfetta da guidare con ogni condizione atmosferica, la Golf è un vero e proprio “gioiello”, che fa della comodità alla guida e della sicurezza i sue due punti di forza principali.

Fiat 500. L’italianissima 500, rivisitazione della mitica “500” degli anni d’oro, fa sempre colpo sul gentil sesso, tanto che è una delle vetture preferite.

Come vendere un’auto: alcuni consigli

Vendere la propria auto è una cosa che richiede accortezza: non bisogna chiedere troppo, ma neanche troppo poco. Ecco come scegliere con accortezza la somma di denaro giusta.

Quanto vale la tua auto? Potresti fare una ricerca in rete sul mercato delle auto usate per capire meglio quando può valere la tua fida quattro ruote. In questa maniera potrai avere già un’idea di massima di quanto andare a chiedere. Un’altra cosa interessante è anche guardare i prezzi delle vetture a livello locale, controllando i piccoli annunci dei giornali della tua zona per vedere ciò che altri venditori privati chiedono.

Per fare la “prova del 9” potresti inserire la tua vettura su un sito web di annunci o di aste on line (ce ne sono veramente tanti, come ad esempio eBay auto o annunci ) e valutare il responso della tua inserzione. Se dopo diversi giorni non hai ricevuto nessuna offerta significa che c’è qualche cosa di sbagliato.

Se invece hai ricevuto delle offerte, inizia la parte bella. Ricorda che un acquirente, per la maggior parte delle volte, cercherà di spuntare un prezzo inferiore a quello richiesto. Occorre dunque essere pronti a “mercanteggiare”, mantenendo sempre un tono educato. Gli acquirenti amano spesso chiedere un prezzo a cui si è interessati a vendere la vettura (inferiore rispetto a quello inizialmente richiesto). E’ dunque consigliabile farsi trovare pronti ed avere una chiara idea del minimo prezzo per cui si può voler vendere.

Una volta concordato il prezzo è una buona idea scrivere, nero su bianco, le condizioni dello stesso, come ad esempio il prezzo di acquisto o le caratteristiche della vettura. In questa maniera entrambe le parti sono protette da eventuali disguidi futuri.

Per quanto riguarda il metodo di pagamento da accettare, in questo caso dipende da te: contanti, bonifico bancario o assegno sono tre modi per poter ricevere quanto spettante dalla vendita della propria quattro ruote.